Castello di Vincigliata

Il Castello

Il Castello

Storia

I primi cenni del castello di vincigliata si hanno nel 1031; al tempo la proprietà era dei Vinsdomini e Alessandri.
Per ben ottocento anni il castello è stato venduto, perso al gioco tra le famiglie piu’ importanti e famose in Firenze, fino ad essere quasi distrutto.

Nel 1840 le sue rovine catturarono l'attenzione di un giovane lord inglese, John Temple Leader, che passeggiando tra le colline fiesolane, si imbattè in questo pittoresco rudere e affascinato da tale meraviglia, decise di comprarlo. Tra tutte le storie imprigionate in quelle mura, egli amò la leggenda di donna bianca. Il suo sogno divenne quello di poter rivivere la magia del maestoso castello.

Fu cosi’ che Sir John si affidò al fancelli, giovane architetto figlio del suo fattore, e alla collaborazione dei più famosi artigiani, scultori, scalpellini, vetrai, pittori fiorentini, che contribuirono alla ricostruzione del castello in ogni suo particolare seguendo rigorosamente lo stile medievale. Rinasce cosi’ vincigliata.
Tra quelle mura creò cosi’ il suo prezioso museo personale esibendo ai suoi illustri ospiti, armature, affreschi e bassorilievi estrapolati dalle antiche botteghe e chiese fiorentine.

Da allora viene utilizzato come cornice incantevole per ricevimenti, ricreando nei suoi accoglienti salotti e nella magica corte serate indimenticabili.

La Leggenda

Bianca era una fanciulla ammirata e corteggiata da molti uomini per la sua avvenenza, ma il suo cuore apparteneva ad un solo uomo.

Costui era il figlio del peggior nemico della sua famiglia, ma il loro amore sembrò trionfare persino sulla ingiusta faida.

Il giorno delle nozze, bianca sali’ sulla torre in attesa dell'arrivo del suo amato, ma cio’ che vide segno’ purtroppo il suo destino.

Egli, cavalcando verso la sua futura sposa, venne assalito dai suoi stessi fratelli che lo uccisero davanti agli occhi increduli di bianca.

Si narra che mori’ di crepacuore ancora nelle sue vesti nuziali. Da allora il suo spirito aleggia fra le mura del castello proteggendo ogni tipo di amore, soprattutto quelli piu’impossibili.

photogallery >